Compagnia del Sole

Il tempo e l’Universo secondo il prof. Albanese

Recensione dello spettacolo "L'Universo è un materasso"
Testata: Hystrio 
Autore: Nicola Viesti
Data: numero Hystrio gennaio/marzo 2018

E' il tempo il protagonista de L’universo è un materasso, ultimo lavoro di un Francesco Niccolini in particolare stato di grazia, un autore che riesce ad affrontare un argomento non semplice - e a volte anche ostico - con una levita' e ironia che non solo lo rende chiarissimo ma anche estremamente godibile. Diviso in quattro parti - il tempo in cui era il Tempo che viveva solo nell’Olimpo e quindi nel Mito, quello dei nostri antenati che guardavano il cielo e facevano le piu' varie congetture rispetto agli astri, quello ancora copernicano che ha portato il sole al centro dell’universo e, per ultimo, il tempo del Novecento da Einstein alla teoria dei quanti - lo spettacolo risulta assai gradito sia a un pubblico giovanissimo sia a quello adulto. Merito certo della sapiente drammaturgia, ma anche della bella messinscena di Flavio Albanese che ne e' anche travolgente interprete.

Non poteva mancare un cielo stellato ad accompagnare quella che potremmo definire una lezione, che si vorrebbe non finisse mai, da parte di un professore istrionico e instancabile, in continuo movimento quasi fosse egli stesso un astro, capace di infinite digressioni, di perdere il filo del discorso per poi con naturalezza riprenderlo. Irresistibile mattatore, ma sempre miracolosamente capace di mantenere una misura necessaria, Albanese non si risparmia e ci conduce quasi per mano a ricordare cio' che gia' dovremmo sapere o a scoprire quel che ancora non sappiamo sull’universo che ci circonda.
Una vera sorpresa uno spettacolo cosi', che ci riconcilia con il miglior senso del teatro.

Nicola Viesti 

Scarica Versione Stampabile